Le fasi di produzione dell’olio extravergine d’oliva

La raccolta

La raccolta generalmente ha inizio da ottobre fino a novembre secondo le condizioni climatiche. Questa fase è critica e delicata perché se le olive non vengono raccolte al momento giusto si rischia la macerazione. La raccolta a mano, detta brucatura, è il miglior metodo anche se molto costoso e lento, perché assicura l’integrità’ dell’oliva. La nostra azienda agricola da sempre effettua la raccolta manualmente.

La macinatura

Superata questa fase, entro le 12 ore si passa alla macinazione, ossia alla frantumazione delle olive, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Le stesse olive lavate vengono trasportate automaticamente da un nastro trasportatore in un frangitore a martelli. La sua funzione consiste nel sbriciolare le olive e il suo nocciolo fino ad ottenere la cosiddetta “pasta di olive”, seguita da un profumo intenso e piacevole che circoscrive tutto il frantoio. La “pasta” viene depositata automaticamente in vasche di acciaio inox 18/10 per alimenti. Terminata questa fase si passa così alla fase di Gramolatura.

La gramolatura

L’impasto viene rimescolato dolcemente e lentamente al fine di unificare le molecole d’olio separate dall’acqua. La gramolatura consiste, quindi, nella mescolazione dolce e continua della pasta di olive per un determinato e preciso tempo che viene determinato dall’esperienza del frantoiano.

Questo processo si deve svolgere in maniera perfetta , in quanto la corretta gramolatura favorisce uniformità delle gocce di olio indispensabile per l’altra fase di lavorazione e la resa in olio extravergine di oliva.

La spremitura

L’ olio extravergine d’oliva è ottenuto in un unica torchiatura che dura circa mezz’ora, il residuo denominato sansa viene scartato dalla nostra lavorazione.

La separazione

L’olio extravergine d’oliva e l’acqua, vengono fatte filtrare nei separatori centrifughi, attraverso dei piattini di acciaio inox. Con lo stesso principio della centrifugazione,  l’olio di oliva viene separato ulteriormente dalle impurità e sedimenti di olive frante e fuoriesce in tutta la sua bellezza in nei contenitori di acciaio inox.

Il prodotto finito

L’ultima fase di lavorazione si svolge mettendo l’olio extravergine di oliva in diversi contenitori di acciaio inox 18/10, in stanze buie e fresche lontano da fonti di calore e luce. Dopo la decantazione rigorosamente naturale dalla durata di due mesi, l’olio di oliva viene imbottigliato e commercializzato.